Questa pagina Internet utilizza cookie.

Le nostre pagine Internet e i nostri shop online utilizzano cookie tecnici e cookie necessari per poter elaborare le tue richieste. Inoltre utilizziamo i cosiddetti cookie di tracciamento che ci consentono di ottimizzare la nostra presenza online per offrire una migliore fruizione. ...

Per maggiori informazioni consultare la Dichiarazione sulla protezione dei dati personali. Privacy Statement

Cookie funzionali

Questi cookie sono obbligatori per poter utilizzare tutte le funzioni dei siti GEMÜ, perciò sono preimpostati e non possono essere disattivati. Eventualmente è possibile eluderli modificando le impostazioni nel proprio browser.

Cookie di profilazione

Puoi decidere se sul tuo browser debba essere conservato un cookie di profilazione, per consentire al gestore della pagina Internet di registrare e analizzare i vari dati statistici. Qualora decidessi di non conservare il cookie fai clic sul seguente link per scegliere di disattivare il tracciamento Piwik.

Purtroppo al momento GEMÜ non è in grado di salvare le impostazioni per più browser o conti utenti. È inoltre possibile, a seconda delle impostazioni di sicurezza impostate dall'utente per il browser, rifiutare i cookie impostati di GEMÜ, chiudendo il browser stesso. In questo modo, alla sessione successiva, i cookie non saranno più disponibili. In caso di chiusura o di modifica del browser o di utilizzo di più PC, è necessario effettuare nuovamente queste modifiche.

GEMÜ 698

Valvola a membrana ad azionamento elettrico

  • Descrizione
  • Caratteristiche
  • Specifiche tecniche

La valvola a membrana a 2/2 vie GEMÜ 698 è dotata di un attuatore elettrico a manutenzione ridotta con un motore sincrono reversibile e di un azionamento motorizzato. Un azionamento di emergenza manuale e un indicatore ottico di posizione sono integrati di serie. La valvola dispone di un distanziatore in metallo.

  • Separazione ermetica tra fluido ed attuatore
  • Direzione di flusso e posizione di montaggio a scelta
  • Funzione di apertura/chiusura sicura nonché comportamento di regolazione riproducibile
  • Elaborazione diretta delle grandezze regolanti elettriche 0/4 - 20 mA tramite modulo supplementare disponibile in opzione
  • Segnalazione di posizione elettrica mediante potenziometro disponibile in opzione
  • Tipo di attacco: Attacco; Clamp; Connessione filettata femmina; Connessione filettata maschio; Flange
  • Modalità azionamento: a motore elettrico
  • Materiale corpo: 1.4408, microfusione; 1.4408, rivestimento in PFA; 1.4435, corpo forgiato; 1.4435, microfusione; EN-GJL-250; EN-GJS-400-18-LT (GGG 40.3), rivestimento in PFA; EN-GJS-400-18-LT (GGG 40.3), rivestimento in PP; EN-GJS-400-18-LT, rivestimento in gomma rigida
  • Pressione di esercizio max: 10 bar
  • Temperatura fluidi max: 100 ° C
  • Temperatura fluidi min: -10 ° C
  • Diametri nominali: DN 15 (1/2''); DN 20 (3/4''); DN 25 (1''); DN 32 (1 1/4''); DN 40 (1 1/2''); DN 50 (2'')

Video sul prodotto

How diaphragm valves with metal valve bodies work

00:29 min
3928 Views
Online da 16.09.2015
Sterile air filters for dairy equipment

Applicazione relativa al prodotto

Filtro aria sterile per impianti lattiero-caseari

I filtri aria sterile vengono utilizzati in svariati modi nell'ambito della tecnologia lattiero-casearia, ma anche per altri processi sterili, come ad esempio in ambito farmaceutico. Si utilizzano ad esempio per aerare i sistemi di tubazioni una volta completata la sterilizzazione mediante calore umido, per aerare i contenitori e i serbatoi fra un livello di riempimento e l'altro oppure per la debatterizzazione di correnti laminari. Impediscono ai componenti impiantistici asettici di entrare a contatto dell'atmosfera contaminata. I filtri aria sterile si utilizzano fondamentalmente come interfacce tra un'area sterile e l'aria ambiente. Si tratta dunque di componenti ai quali occorre attribuire particolare importanza nell'ambito degli impianti sterili, poiché il loro funzionamento influisce notevolmente sulla qualità del prodotto. I punti deboli dei filtri aria sterile sono spesso riconducibili a un monitoraggio carente, alla contaminazione della condensa ma soprattutto a una durata troppo limitata.